Counseling vs Coaching


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il rapporto tra i Consulenti Professionali (counselor) e allenatori di vita (coach) è simile a quella dei fratellastri.

Sono vagamente collegati perché condividono lo stesso nome di famiglia "Aiutare Professionale."

Tuttavia, come fratellastri stereotipati, anche i consiglieri e allenatori vita hanno familiarità con l'altro e condividono alcune caratteristiche simili.

L'International Coach Federation (ICF), definisce il coaching come "partnership con i clienti in un processo stimolante e creativo che li ispira a massimizzare il loro potenziale personale e professionale.

Allenatori professionisti in grado di fornire una partnership continua progettata per aiutare i clienti a produrre risultati che soddisfano nella loro vita personale e professionale.

 

Gli Allenatori aiutano le persone a migliorare le loro prestazioni e migliorare la qualità della loro vita.

Gli allenatori sono addestrati per ascoltare, osservare e personalizzare il proprio approccio alle singole esigenze del cliente.

Essi cercano di suscitare soluzioni e strategie da parte del cliente, che ritiene naturalmente creativo e pieno di risorse.

Il lavoro del coach è quello di fornire un supporto per migliorare le competenze, le risorse e la creatività che il cliente ha già.

" Gli allenatori lavorano generalmente su quattro aree con i clienti:

• Definire gli obiettivi

• Formulare un piano che utilizzerà le competenze del cliente

• Tenendo il cliente responsabile per il progresso

• Fornire struttura, incoraggiamento e sostegno

"Attraverso il coaching, i clienti possono imparare ad usare modi sani e utili per la navigazione attraverso la vita."

 

Il Counseling è un processo che, attraverso il dialogo e l’interazione, aiuta le persone a risolvere e gestire problemi e a prendere decisioni.

Esso coinvolge un “cliente” e un“counselor”: il primo è un soggetto che sente il bisogno di essere aiutato, il secondo è una persona esperta, imparziale, addestrata all’ascolto, al supporto e alla guida Il counseling è un uso della relazione basato su abilità e principi che sviluppa l’accettazione, l’autoconsapevolezza e la crescita.

Può essere mirato alla definizione di problemi specifici, alla presa di decisioni, ad affrontare i momenti di crisi, a confrontarsi con i propri sentimenti e i propri conflitti interiori o a migliorare le relazioni con gli altri, rispettando i valori, le risorse personali e la capacità di autodeterminazione.”

A diversità del coaching i programmi di formazione del Counselor generalmente richiedono anche una laurea in psicologia, educazione o un campo correlato, punteggi dei test sugli esami nazionali quali il Graduate Record Exam (GRE) e lettere di riferimento.

Un programma di formazione counselor tipico prevede tre anni di studio, tra cui l'esperienza di stage e un progetto di ricerca indipendente. Entrambi i consulenti sia Counselor che Coach vedono delle somiglianze tra i due campi, ma richiamano anche distinzioni nette. "C'è uno spettro di necessità".

Gli allenatori lavorano solo con i clienti sani che si sforzano di migliorare la loro situazione, i counselor invece possono lavorare anche con persone che hanno bisogno di aiuto e la speranza di individuare un proprio ruolo di protagonisti nella vita, superando e risolvendo vecchi dolori.

Un'altra differenza?

Il progresso è un po’ più lento e introspettivo nella consulenza, rispetto al coaching.

Si attribuisce questo alle differenze tra la base clienti di ciascuna professione. I clienti che cercano coaching di solito non si presentano per una inefficienza o perché sono nel dolore.

La differenza è che i Counselor hanno anche la formazione supplementare per aiutare i clienti quando le cose non vanno così bene. In ogni caso penso che sia il coaching che il counseling possono essere dei processi incredibilmente utili per la gente.

La chiave è la formazione del counselor o del coach e l'adattamento personale tra il cliente e il consulente o allenatore.

Vorrei incoraggiare la gente a essere prima sicuri che ogni professionista abbia la sua formazione necessaria e le credenziali al fine di garantire la qualità dei servizi forniti.

Ciò è particolarmente importante nei settori in cui vi è limitata regolamentazione e supervisione, come ad esempio nei coaching. Poi, vorrei incoraggiare la gente a cercare un buon adattamento personale con lo stile, l'approccio e la formazione del fornitore.

Noi sappiamo, sulla base della letteratura, sia di lavoro massimo delle prestazioni e nella consulenza, che le connessioni personali spesso favoriscono la più grande motivazione verso il successo.

Per ulteriori approfondimenti, clicca sulla mia foto in alto a destra di questo articolo e vai nella sezione Curriculum,Contatti e Annunci

A presto Dr. Alloggio A. A.

Potrebbero interessarti ...