I Disturbi Correlati a Sostanze


disturbi sostanzeI Disturbi Correlati a Sostanze comprendono disturbi secondari all’assunzione di una sostanza di abuso (incluso l’alcool), agli effetti collaterali di un farmaco e all’esposizione a tossine. In questo manuale, il termine sostanza può riferirsi a una sostanza di abuso, a un farmaco, o a una tossina.  

Le sostanze discusse in questa sezione sono raggruppate in 11 classi: alcool; amfetamine o simpaticomimetici ad azione simile; caffeina; cannabis; allucinogeni; inalanti; nicotina; oppiacei; fenciclidina (PCP) o arilcicloexilaminici ad azione simile e sedativi, ipnotici o ansiolitici. 
Queste 11 classi (Nell’edizione originale in lingua inglese le undici classi di sostanzesono elencate in ordine alfabetico. N.d.T) condividono manifestazioni simili: l’alcool condivide manifestazioni con i sedativi, ipnotici e ansiolitici; la cocaina condivide manifestazioni con le amfetamine o simpaticomimetici ad azione simile. Sono pure inclusi in questa sezione i Disturbi Correlati a Sostanze Diverse o Sconosciute (che includono la maggior parte dei disturbi correlati a farmaci o tossine) e la Dipendenza da Più Sostanze.
 
Anche molti farmaci prescritti e da banco possono causare Disturbi Correlati a Sostanze. I sintomi si verificano di solito ad alti dosaggi del farmaco e normalmente scompaiono quando il dosaggio venga abbassato o il farmaco sia sospeso. Tuttavia, vi può essere a volte una reazione idiosincrasica ad una singola dose. I farmaci che possono causare Disturbi Correlati a Sostanze includono (ma non sono limitati a): anestetici e analgesici, anticolinergici, anticonvulsivanti, antistaminici, antiipertensivi e farmaci vascolari, antimicrobici, antiparkinsoniani, agenti chemioterapici, corticosteroidi, farmaci gastrointestinali, miorilassanti, farmaci antiinfiammatori non steroidei, altri farmaci da banco, antidepressivi e disulfiram.
 
Anche l’esposizione ad un ampio spettro di altre sostanze chimiche può condurre allo sviluppo di un Disturbo Correlato a Sostanze. Le sostanze tossiche che possono causare Disturbi Correlati a Sostanze includono (ma non sono limitati a): metalli pesanti (per es., piombo o alluminio), veleni per topi contenenti stricnina, pesticidi contenenti nicotina, o inibitori dell’acetilcolinesterasi, gas nervini, glicoletilene (antigelo), ossido di carbonio e anidride carbonica. Le sostanze volatili (per es., benzina, vernice) sono classificate come “inalanti” se usate a scopo di intossicazione; esse sono considerate “tossine” se l’esposizione è accidentale o è parte di un avvelenamento volontario. I più comuni sintomi associati all’uso di sostanze tossiche sono le turbe cognitive o dell’umore, benché si possano manifestare ansia, allucinazioni, deliri o crisi epilettiche. I sintomi di solito scompaiono quando il soggetto non è più esposto alla sostanza, ma la risoluzione dei sintomi può richiedere settimane o mesi, e può rendere necessario un trattamento.
 
I Disturbi Correlati a Sostanze si dividono in due gruppi: i Disturbi da Uso di Sostanze (Dipendenza da Sostanze e Abuso di Sostanze) e i Disturbi Indotti da Sostanze (Intossicazione da Sostanze, Astinenza da Sostanze, Delirium Indotto da Sostanze, Demenza Persistente Indotta da Sostanze, Disturbo Amnestico Persistente Indotto da Sostanze, Disturbo Psicotico Indotto da Sostanze, Disturbo dell’Umore Indotto da Sostanze, Disturbo d’Ansia Indotto da Sostanze, Disfunzione Sessuale Indotta da Sostanze e Disturbo del Sonno Indotto da Sostanze). Questa sezione comincia con il paragrafo e i set di criteri per Dipendenza da Sostanze, Abuso, Intossicazione e Astinenza che sono applicabili trasversalmente a classi di sostanze diverse. Questa parte è seguita dai commenti generali riguardanti manifestazioni associate; caratteristiche collegate a cultura, età e genere; decorso; menomazione e complicanze; familiarità; diagnosi differenziale; e procedure di registrazione che si applicano a tutte le classi di sostanze. 
 
La parte rimanente della sezione è divisa per classi di sostanze e descrive gli aspetti specifici di Dipendenza, Abuso, Intossicazione e Astinenza per ciascuna delle 11 classi di sostanze. Si dovrebbe notare che le sezioni relative alla Prevalenza nei trattati specifici per sostanza contengono dati epidemiologici che indicano i tassi di consumo della sostanza in vari gruppi di età, così come la prevalenza lifetime e di un anno della Dipendendenza e dell’Abuso. Per facilitare la diagnosi differenziale, il paragrafo e i criteri per i rimanenti Disturbi Indotti da Sostanze sono inclusi nelle sezioni del Manuale che trattano i disturbi con fenomenologia simile (per es., il Disturbo dell’Umore Indotto da Sostanze è incluso nella sezione dei “Disturbi dell’Umore”). Le diagnosi associate a ciascun gruppo specifico di sostanze.
 

Per ulteriori informazioni, clicca sulla mia foto in alto a destra di questo articolo e vai nella sezione Curriculum,Contatti e Annunci
A presto Dr. Alloggio A. A.

Potrebbero interessarti ...